Sezione principale

CRONISTORIA: Il tifo in Mornese

Anche nella vita di Maria Mazzarello viene un momento di prova fortissima: l’epidemia di tifo in tutta la regione.


Il tifo in Mornese

 

Anche nella vita di Maria Mazzarello viene un momento di prova fortissima: l’epidemia di tifo in tutta la regione. Questa diventa un’occasione per un’opera di carità estrema; il parroco la interpella, la realtà sofferente è un appello di Dio che ha il prezzo della vita. Cosa rispondere?

 

L’aspettava, però, una prova dolorosa. Il flagello della guerra, coi suoi disagi e la fame che necessariamente porta con sé, lascia sempre il retaggio di malanni spesso epidemici: a Mornese toccò il tifo che mietè parecchie vittime. Nella famiglia di uno zio di Maria ne furono colpiti tutti, sicché dovettero ricorrere ad altri per assistenza e pregarono don Pestarino, il padre dei mornesini, ad aiutarli. Era una famiglia numerosa e la mamma, la più grave, avrebbe desiderato sua nipote Maria. Don Pestarino dovette rimanere perplesso. Maria: aveva ventitré anni; era la maggiore della famiglia, pure numerosissima; era il braccio destro del padre; era anche il suo stesso appoggio per lo zelo che spiegava; e la speranza del molto bene che voleva ancora fare: se fosse accaduta una disgrazia? 

 

Le Figlie dell’immacolata avevano — per regolamento —  [pp. 86]  l’obbligo di assistere le malate del paese; ma ora non si trattava più di sole malate: e chi mandare in una casa dove vi sono anche dei giovani?... Chiese dunque Maria ai genitori, per quest’opera di carità. I genitori si rifiutarono: il padre addusse il bisogno di lei per i lavori del campo, la madre per l’aiuto in casa e, perché no, per tema del contagio. La mamma non cela mai le tenerezze del cuore. 

 

 

Versione app: 3.15.2.1 (d623a81)