News 5

Francia. Cattolico dona a una donna che vuole abortire un paio di scarpine: risc...

Il dottor Xavier Dor, 85 anni, si batte per la vita contro l'aborto. Ieri in tribunale ha dovuto rispondere dell'accusa di recita del rosario in pubblico e senza autorizzazione.


Francia. Cattolico dona a una donna che vuole abortire un paio di scarpine: rischia due anni di carcere

 

Xavier Dor, presidente dell’associazione cattolica “SOS Tout Petits”, che da oltre 20 anni si batte in Francia per la vita contro l’aborto, è comparso ieri in tribunale a Parigi per rispondere dell’accusa di «pressioni morali e psicologiche», fatte regalando un paio di scarpine da neonato a una donna entrata negli uffici di un’associazione femminista per richiedere un’interruzione di gravidanza.

 

TUTTO PER UN PAIO DI SCARPE. Il dottore è stato denunciato dall’associazione femminista Pianificazione familiare, dall’Ancic, Associazione nazionale dei centri di interruzione di gravidanza e contraccezione, e dal Cadac, Coordinamento delle associazione per il diritto all’aborto e alla contraccezione, che si sono costituiti parti civili. L’uomo di 85 anni è stato accusato di essersi introdotto due volte nei locali dell’associazione femminista per donare un paio di scarpine da neonato a due donne che si apprestavano ad entrare per chiedere un’interruzione di gravidanza. Quest’azione, secondo quanto affermato ieri dall’accusa, è di «una violenza inaudita» e ha comportato «pressioni morali e psicologiche».

 

COLPEVOLE DI RECITA DEL ROSARIO. L’associazione cattolica “SOS Tout Petits” organizza anche la recita pubblica del rosario in strada, come forma di riparazione e intercessione per i medici abortisti. Il dottor Dor ha dovuto rispondere dell’accusa di aver inscenato una manifestazione, cioè un rosario pubblico, il 2 aprile 2011 davanti all’ospedale Saint Vincent de Paul di Parigi senza autorizzazione. L’uomo può rischiare fino a due anni di carcere e 30 mila euro di multa, l’accusa ieri ha però chiesto “solo” un mese di carcere e 8 mila euro di multa. I giudici si pronunceranno non prima del 16 settembre, un ritardo dovuto all’imminente periodo di vacanza.

 

 

Leone Grotti

 

http://www.tempi.it

Versione app: 3.15.2.1 (d623a81)