Chiesa e Papa

Spei Satelles

Presentata ieri, 27 marzo 2023, la missione ideata e organizzata dal Dicastero per la Comunicazione in collaborazione con l’Agenzia Spaziale italiana. Alla missione anche alcuni studenti dello IUSVE hanno lasciato il segno con l’ideazione e realizzazione del logo.


SPEI SATELLES: 

ANCHE TU CUSTODE DI SPERANZA CON PAPA FRANCESCO

Unisciti alla missione nello spazio e diventa parte di un grande progetto di fraternità universale

Presentata ieri, 27 marzo 2023, la missione ideata e organizzata dal Dicastero per la Comunicazione in collaborazione con l’Agenzia Spaziale italiana, il Politecnico di Torino, l’Istituto di Fotonica e nanotecnologie del CNR e ancora l’Apostolato digitale di Torino. Il lancio dalla California il 10 giugno, mentre il 29 maggio Papa Francesco benedirà il satellite e il nanobook. Alla missione anche alcuni giovani studenti dello IUSVE hanno lasciato il segno con l’ideazione e realizzazione del logo.

Cos’è Spei Satelles

Spei Satelles è una missione spaziale che ha come obbiettivo quello di essere un segno di speranza per tutta l’umanità. Promossa dal Dicastero per la Comunicazione, la missione è coordinata dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), l’ente pubblico che prepara e attua la politica spaziale italiana in accordo con le linee guida del Governo. Alla missione prende parte il Politecnico di Torino, che ha progettato e costruito il satellite, ed il CNR che ha realizzato il nanobook da cui l’intera missione si è originata. Il logo è opera dei giovani dello IUSVE di Venezia mentre il coordinamento pastorale/culturale è stato affidato all’Apostolato Digitale di Torino.

▲ Con Papa Francesco

Spei Satelles contiene un nanobook, una lastra di silicio di 2x2x0,2 mm sui cui sono state impresse con nanotecnologie le immagini, i discorsi e le letture del momento di preghiera celebrato da Papa Francesco il 27 di marzo del 2020, in piena pandemia. Quelle parole e quei gesti sono diventati una icona della speranza, un seme di speranza da cui ripartire.

La speranza secondo Papa Francesco:

La speranza non delude, è un atto di fede prendere la speranza, la più umile delle virtù, ma la più quotidiana, perché è come l’ossigeno per respirare la vita e le dà un senso. È un dono per andare avanti, per agire, per tollerare, per soffrire. Questo è un mondo pieno di delusioni. La speranza è tutti i giorni, la trovi nei piccoli angoli della tua vita e lì c’è la speranza che ti porta avanti. Ciascuno di noi può essere motore di questa speranza per sé e per il mondo.

Questa missione spaziale è un segno concreto di questa speranza.

▇ Anche tu

Anche tu puoi essere un custode della speranza insieme a Papa Francesco. Compila il form ed impegnati a fare una buona azione sulla terra affinché vi sia speranza e fraternità per tutti. La tua adesione sarà inserita in un chip che volerà a bordo di Spei Satelles. Il tuo nome sarà scritto in cielo perché hai scelto di seminare speranza sulla terra.

★ Messaggero di Speranza

Durante la sua permanenza in orbita eliosincrona Spei Satelles trasmetterà un segnale radio percepibile con una strumentazione amatoriale. Il segnale contiene messaggi di speranza dal magistero del Papa.

 

Il logo della missione

 

 

Il logo richiama innanzitutto le iniziali di “Spei Satelles” il custode della speranza. Le due lettere “S”, disposte in maniera speculare, indicano la complementarietà di “terra” (la semicirconferenza inferiore) e “cielo” (la semicirconferenza superiore), oltre a segnare l’orbita del satellite attorno al nostro pianeta.
Un'altra traccia orbitale più esterna, tratteggiata, composta da 59 linee tante quante i grani del rosario, unisce tre forme:

Croce

La croce (con i lati ricurvi quasi a rappresentare una stella), elemento più grande e importante dei tre, che indica la presenza di Cristo Salvatore e Signore dell’Universo.

Stella

La stella a 12 punte simboleggia la presenza della Vergine Maria coronata da 12 stelle (Ap 12,1).

Triangolo

Il triangolo più piccolo, che nella forma richiama quella della croce richiama la figura del Santo Padre mentre sale i gradini del sagrato di Piazza San Pietro durante la “Statio Orbis”.

Tre puntini

I tre puntini che compaiono a scavalco della traccia orbitale più esterna sono segno della presenza della Trinità nell’universo, come pure il triplice annuncio della passione, morte e risurrezione nei vangeli sinottici, messaggio che dona speranza all’umanità.

Il logo è stato realizzato dagli studenti e dai docenti dell'Istituto Universitario Salesiano IUSVE di Venezia.

 

Link al sito: speisatelles.org

Versione app: 3.13.5.5 (94dd45b)