Meeting Ragazzi MGS

Direzione Cielo. Il racconto del Meeting Ragazzi MGS

Rivivi con noi il Meeting con gli occhi di chi lo ha vissuto in prima persona


“Benvenuti alla stazione di Mogliano Veneto. Il treno regionale veloce 3459 diretto alla stazione di Desiderio è in arrivo al binario 2 e 3/4. Si prega di allontanarsi dalla linea gialla.”

Sono stato accolto con questa frase, domenica scorsa a Mogliano Veneto, assieme ad altri 1400 ragazzi della mia età (medie) al Meeting ragazzi MGS. Una domenica meravigliosa. Mi hanno chiesto di dire quello che ho visto, ascoltato e vissuto ed eccomi qua…

Cosa ho visto? Ho visto 1400 ragazzi che si sono divertiti tutta la giornata, aiutati da animatori più grandi e genitori. Ho visto uno spettacolo che raccontava la storia di Michele Magone e l’incontro con don Bosco. Ho visto tanti ragazzi della mia età mettersi al servizio degli altri sia nello spettacolo, che nell’animazione, che nella gestione dei giochi. 
(Io ero tra i 300 ragazzi di Terza media arrivati già il sabato per aiutare nella preparazione del meeting. Mio sono divertito un mondo).

Che cosa ho ascoltato? La storia di Michele Magone, che incontra don Bosco e gli promette una vita bella, piena, in cui realizzare i suoi desideri. Una frase mi ha particolarmente colpito: “Michele, se vuoi sul treno che sto per prendere c’è un sogno anche per te”. Sento che c’è un sogno anche per me. Posso dire che il tema del sogno e del desiderio è stato un po’ il filo rosso di tutta la giornata. Ma ho capito che per molti ragazzi (e anche per me) non è così facile capire quale sia il sogno di Dio, per ciascuno di noi. Come Michele anche io mi sento di dire: “Dio mio, ho mille voci dentro di me, e gridano. Ognuna vuole avere ragione. Anche io vorrei brillare come le persone che ho appena incontrato… come la luna. Ma se mi guardo, vedo solo quanto sono buio”.

Ma la giornata che ho vissuto mi ha fatto capire che possiamo brillare, trasformarci in luce, come anche ci ha detto don Juan Carlos, il sacerdote che ha celebrato la Messa a metà giornata. Nel Vangelo si parlava di Gesù che si trasfigurò davanti ai discepoli, risplendendo di luce. Ci ha invitato a consegnare i nostri desideri a Lui. 

Tra le cose più belle che ieri ho visto e vissuto ne riporto due: vedere gli aeroplanini che avevamo fatto all’interno dello spettacolo, volare verso la luna che faceva da scenografia (una luna gonfiabile bellissima) e i giochi del pomeriggio. Erano semplici giochi a stand dove ogni gruppo poteva sfidare un altro. Non abbiamo vinto, ma mi sono divertito tantissimo.

Avrei voluto non finisse mai la giornata, perché stavo proprio bene (e ho capito un po’ perché anche Pietro, Giacomo e Giovanni volevano stare con Gesù, sul monte, come ascoltato nel Vangelo). Ma purtroppo la festa è finita. Ma in realtà non è finita, perché il viaggio prosegue. 
Ci hanno lanciato infatti un concorso dal titolo: “Direzione Cielo”. L’obiettivo è “Risvegliare i sogni delle persone del proprio quartiere, dando uno slancio di speranza e apertura (aiutando a sognare, impariamo anche noi a farlo!). Scoprire insieme i gesti e segni concreti che ci aiutano a sognare e quindi riproporli in un modo creativo tra le vie del proprio quartiere, in particolare lì dove potrebbe essere più difficile”.

Non vedo l’ora di rimettermi in gioco, perché ho capito che aiutare gli altri è veramente bello.
 

 

Versione app: 3.13.5.5 (94dd45b)